Seminario P21 “Nuove Idee nel Vecchio Mondo” – Sabato 2 luglio – Firenze

Sabato 2 Luglio 2016, ore 14.00 – Sala Talenti, Opera di Santa Maria del Fiore –P.zza San Giovanni, 7 – Firenze

Relatori:

Luciano Bozzo (Università di Firenze)

Lorenzo Castellani (Fondazione Luigi Einaudi)

Daniele Zotti (Paradigma21)

Intervengono: Riccardo Cappelli, Gherardo Magnini, Margarita Frati e Gianni Bini.

Partecipanti: max 40

Questo seminario ha tre scopi. Il primo: stimolare un dibattito serio nell’area politica di centro-destra, al di fuori dell’ambito dei partiti politici che fino ad oggi l’hanno definita, per cominciare a cercare nuove e migliori idee e nuove e migliori parole con cui contribuire a costruire una nuova identità conservatrice in Italia.

Secondo: introdurre modalità nuove di dibattito e di discussione politico-culturale, in vista dell’avvio di alcuni corsi di formazione che cercheranno di addestrare alla politica almeno una piccola porzione della futura classe dirigente.

Terzo: discutere, in un modo diverso da quelli convenzionalmente adottati, alcuni temi politici centrali per il prossimo futuro dell’Italia e dell’Europa, a cominciare dal rapporto tra stati nazionali e Unione Europea e dalla conflittualità tra identità nazionali, etniche, religiose, politiche e sociali nel contesto della crisi europea dell’inizio del XXI secolo.

I tempi del seminario sono molto stretti per due motivi. Innanzitutto perché è necessario disciplinare il dibattito ed evitare di farlo soccombere all’assalto dei luoghi comuni. Inoltre,  per consentire ad un buon numero di persone di intervenire nella discussione con domande o riflessioni concise, pertinenti e interessanti.

La discussione sarà articolata su quattro temi principali, illustrati con dati, circostanze e fatti utili a circoscrivere la discussione e a fornire una base oggettiva di confronto delle opinioni.

Ciascun relatore avrà sette minuti per esprimere le proprie considerazioni sul punto e argomentare la propria opinione. Il tempo è molto limitato, ma consente di mantenere desta l’attenzione con un ritmo del dibattito più vivace rispetto ai convegni e alle conferenze politiche tradizionali. I relatori possono approfittare delle domande che seguono i loro interventi per approfondire alcuni aspetti delle loro riflessioni.

Alla discussione di ciascun tema, infatti, seguiranno un massimo di tre domande o considerazioni del pubblico, ciascuna di un minuto, accompagnate da una replica dei relatori che vorranno commentare, per un massimo di due minuti ciascuno. A quel punto verrà presentato il tema successivo.

Programma di svolgimento

14.00 – Introduzione e illustrazione del seminario (5′)

14.05 – L’Europa della sicurezza in crisi:  equilibri e disequilibri di NATO e UE (Riccardo Cappelli)

15.00 – Lo stato nazionale è finito ed è cominciata l’era dei superstati sovranazionali? (Gherardo Magnini)

16.00 – Identità in conflitto e lealtà incerte: nazionalità, etnie, religioni, ceti sociali (Margarita Frati)

16.45 – Coffee-break

17.00 – Gli oppositori e le classi dirigenti di fronte alla crisi europea (Gianni Bini)

17.40 – Conclusioni