Il miglior candidato della destra

A Roma serve un buon candidato,
che la risani, riformi e ripigli,
prima che segua migliori consigli,
giacché l’Alemanno ha già scordato.

La pia Meloni che aspetta un figlio
non potrà essere il destro campione,
Storace invano reclama attenzione,
mentre Salvini si scopre coniglio.

Ruzzan, s’azzuffano capi e capetti,
mentre di voti c’è un gran travaso,
volano insulti, stracci e sospetti.

È Berlusconi a sciogliere il caso,
a proprio vantaggio in tutti gli aspetti,
e candida il vecchio sodal Bertolaso.